Arcidiocesi di
Oristano
Mons. ANTONINO ZEDDA (don Toz)

Per comunicare con il parroco

Telefono fisso: 0783/296719 

Cellulare: 3475412899 

sanjoseph@virgilio.it    (mail ufficiale della parrocchia)

toninozedda@virgilio.it  (mail personale)

Programma settimanale
Domenica 03 Marzo - Domenica 10 Marzo
3
Domenica
VIII domenica del T. O.
Il discepolo non è più grande del suo maestro
 
 
ore 8: Invit. Uff. Letture e Lodi
ore 8,30: UNICA Messa: AnnaMaria e Salvatore Mannu
 
 
4
Lunedý
ore 7,30: Lodi e Messa: Antonia e Raimondo
 
5
Martedý
ore 7,30: Lodi e Messa: in onore di San Giuseppe
 
6
Mercoledý
ore 7,30: Invitatorio, Ufficio delle Letture, Lodi e Ora Media
ore 11: Funerale di Ugo Gastaldo
 
ore 19: Solenne Inizio della Quaresima: Messa delle CENERI
 
 
7
Giovedý
ore 7: Invitatorio, Ufficio delle Letture, Lodi
ore 7,30: Messa: per le vocazioni  -   questua per il Seminario
ore 8: ora Media
 
 
 
8
Venerdý
SAN GIOVANNI DI DIO
ore 7: Invitatorio, Ufficio delle Letture, Lodi
ore 7,30: Messa: per il popolo
 
ore 19: VIA CRUCIS comunitaria e comunione
 
9
Sabato
ore 7,30: Invitatorio, Ufficio delle Letture, Lodi e Ora Media
ore 18,10: Primi Vespri
ore 18,30: Messa: Giuseppe Piras
 
 
10
Domenica
Prima Domenica di Quaresima
ore 8: Invit. Uff. Letture e Lodi
ore 8,30: Messa: Ninuccia e Antonio
ore 10,30: Messa: Lucio Melis
 
 
AVVISI
• Mercoledì 27: ore 19,30: incontro del Gruppo Catechisti;
• DOMENICA 3 marzo, in occasione della Sartiglia, verrà celebrata solo la Messa delle ore 8,30.
IN ASCOLTO DELLA PAROLA
Il vangelo di oggi è la continuazione di quello di domenica scorsa. Gesù annuncia le regole di comportamento per chi vuole essere suo discepolo. Beati i poveri; guai ai ricchi: aveva detto, e il seguito di oggi chiarisce che non è una questione di portafogli: cioè poveri e ricchi non sono quelli che vivono in ristrettezze o nell'abbondanza; i ricchi sui quali pesa il suo lamento sono coloro che pensano solo a sé stessi, a quanto questo mondo può offrire, ricercandolo con ogni mezzo, lecito o no, mentre i poveri sono coloro che guardano al regno dei cieli cui arriveranno se in questo mondo si propongono il bene, per sé ma anche per gli altri. Di qui la regola d'oro, che a molti pare così difficile da seguire: Amate i vostri nemici. Ciò che volete gli uomini facciano a voi, voi fatelo a loro. Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso... Con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi in cambio. Dunque la regola dei nostri comportamenti non deve essere quella della convenienza personale, ma quella che segue lo stesso Signore, il quale non fulmina chi si comporta male, ma anzi è sempre disposto a perdonare, e non si stanca mai di elargire i suoi benefici a chiunque dimostri nei fatti di volerli accogliere. Di più: come Gesù insegna a dire col Padre nostro (Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori), dobbiamo stare attenti, perché il Padre ci tratterà come noi avremo trattato i nostri simili. Difficile? Sì, certo, ma non impossibile, con l'aiuto che Dio ci concede. E sono molti gli esempi che lo dicono possibile: le vite dei santi di esempi ne offrono quanti se ne vuole, con i tanti altri di cui si vedono i frutti: a esempio i missionari, i volontari chi da la disponibilità e, magari, non riceve neppure un grazie. TOZ
 
 
Copyright © 2011 Parrocchia San Giuseppe Lavoratore - TharrosNet © 2011