Arcidiocesi di
Oristano
Mons. ANTONINO ZEDDA (don Toz)

Per comunicare con il parroco

Tel. 0783.212023 (solo al pomeriggio o sera)

Cel. 347.5412899 (sempre acceso)

sanjoseph@virgilio.it    (mail ufficiale della parrocchia)

toninozedda@virgilio.it  (mail personale)

Programma settimanale
Domenica 12 Agosto - Domenica 19 Agosto
12
Domenica
XIX domenica del T. O.
Il Padre mio vi dà il pane vero
 
 
ore 8: Invit. Uff. Letture e Lodi
ore 8,30: Unica Messa: Giovanni Cherchi
ore 10 in Cattedrale: Cresime adulti
 
 
13
Lunedý
ore 7,30: Lodi e Messa: Tonio e Fabio
 
14
Martedý
ore 19,10: Primi Vespri
ore 19,30: Messa: Giorgio Camba (primo anniversario)
 
 
15
Mercoledý
ore 8: Invitatorio, Uff. Lett. Lodi
Messa: in onore della Vergine Maria Assunta in cielo
 
 
16
Giovedý
ore 7,30: Lodi e Messa: Antonio Ortu, Emilia Meloni
e Severina Carrus
 
 
17
Venerdý
ore 7,30: Lodi e Messa: intenzione particolare
 
18
Sabato
ore 18: Battesimo di Raffaella Putzu
ore 19,10: Primi Vespri
ore 19,30: Messa: Mario Garau
 
 
19
Domenica
ore 8: Invit. Uff. Letture e Lodi
ore 8,30: Unica Messa: pro populo
 
 
AVVISI
1. NEI MESI DI LUGLIO, AGOSTO E SETTEMBRE: seguiremo questi orari: Sabato sera ore 19,30; Domenica Unica Messa (alle ore 8,30); nei giorni feriali la celebrazione eucaristica sarà al mattino alle ore 7,30, sempre con la celebrazione delle LODI.
2. MONASTERO delle Clarisse tutte le domeniche (ore 21) Messa a cura del Vicariato Urbano
 
MESSAGGIO DEL PARROCO
Il vero male spirituale di oggi non è la mancanza di fede in Dio, ma la superficialità.
Credere di sapere solo per sentito dire, giudicare solo in base alle apparenze, lasciarsi condizionare dai pregiudizi, tutto questo ci porta a morire spiritualmente, minando alla base una sana convivenza con gli altri e non comprendendo più Dio, la sua parola e la sua volontà, e riducendo magari tutto ad un rapporto superficiale fatto di riti e tradizioni religiose. E' la superficialità quella che Gesù denuncia quando ha davanti il popolo e specialmente i capi del popolo e i responsabili religiosi. Gesù fa di tutto per rendere presente Dio nella vita delle persone, mostrando il suo volto misericordioso e vicino, ma il popolo molto spesso si ferma ai miracoli e al fatto che ha la pancia piena e i problemi immediati risolti. E anche i capi del popolo, qui chiamati "i Giudei", mormorano contro Gesù non vedendo in lui altro che "il figlio di Giuseppe..." e non l'inviato di Dio che compie le azioni preannunciate dalla Scrittura. E' questa superficialità che porterà Gesù sulla croce, perché lui sarà visto proprio come un inutile disturbo da levare di torno. Ma è proprio la superficialità dei capi religiosi che non farà loro vedere che proprio sulla croce Gesù porta a compimento il suo disegno di Salvezza, dando la vita per tutti. I discepoli dopo la resurrezione, comprenderanno a fondo, oltre le apparenze, che quel Maestro ed amico in realtà è davvero l'inviato di Dio Padre che è venuto a Salvare il mondo anche attraverso di loro. Gesù dice a coloro che mormorano: "tutti saranno istruiti da Dio". Con questo vuol dire che comprendere Dio non è impossibile, e che proprio l'Onnipotente vuole entrare in fondo alla nostra vita per renderla eterna, cioè piena di amore e realizzata. Ma per cogliere questa istruzione di Dio, per poter mettersi davvero in ascolto di Dio, bisogna coltivare l'ascolto vero, la profondità d'animo e l'intelligenza che tutti abbiamo. Il tempo dedicato all'accoglienza reciproca, all'ascolto e alla comprensione con la pazienza di non giudicare subito, è un tempo ben speso che ci porta a non vivere di superficialità che sterilizza e fa morire i rapporti umani, e che alla fin fine fa morire anche il rapporto con Dio. La superficialità ci porta a giudicare senza conoscere mentre Gesù non è rimasto alla superficie dell'umanità, ma si è totalmente immerso nell'uomo. donTOZ
 
 
Copyright © 2011 Parrocchia San Giuseppe Lavoratore - TharrosNet © 2011