Arcidiocesi di
Oristano
Mons. ANTONINO ZEDDA (don Toz)

Per comunicare con il parroco

Tel. 0783.212023 (solo al pomeriggio o sera)

Cel. 347.5412899 (sempre acceso)

sanjoseph@virgilio.it    (mail ufficiale della parrocchia)

toninozedda@virgilio.it  (mail personale)

Categoria: News
domenica 27 agosto 2017
C’È SEMPRE QUALCOSA DA DIRE… sul Parroco…
Spunti semiseri... sul ministero del parroco!
themes/parrocchia.oristano.sangiuseppelavoratore/uploads/mkNews/attachments/1438_parroco-678x381.jpg
In questi giorni ho fatto memoria della mia ordinazione presbiterale 31 anni….) il tempo corre veloce... Conosco un testo tra il cinico e lo scherzoso (che ho voluto, in parte, rivedere con aggiunte mie). .. dopo averlo postato sulla mia pagina Fb, ora lo voglio regalare (con simpatia e un pizzico di amarezza) anche a tutti i miei carissimi parrocchiani. Grazie ancora degli auguri: e pregate anche per me.
 
Se il parroco ha un volto sereno e sorridente:… “È un sempliciotto e un ingenuo”. Se sorride raramente ed è pensoso:… “È un eterno insoddisfatto” Se è giovane e bello:.. “Ma perché non si è sposato?”. Se è brutto: “Nessuno l’ha voluto!”. Se va al bar: “È un ubriacone”. Se sta in casa: “È un monaco: non vuole contaminarsi”. Se indossa la camicia clerymen: “È un prete borghese” Se veste in borghese: “È un mondano”. Se veste con la tonaca: “È un lefreviano conservatore”. Se parla con i ricchi: “È un capitalista”. Se sta con i poveri: “È un radicalcomunista”. Se difende i migranti: “Fa politica”. Se non difende i migranti: “: “È un leghista”. Se è grasso: “Non si lascia mancar niente”. Se è magro: “È un tirchione”. Se cita il Concilio Vaticano II: “È un prete moderno”. Se parla di catechismo: “vuole indottrinare la gente”. Se cita Papa Francesco: “vuole attirare consensi”. Se non cita il Papa: “è un reazionario”. Se ama la Liturgia: "è un cerimonioso e vanitoso". Se celebra normalmente: "le sue Messe sono banali". Se l’omelia domenicale dura più di 10 minuti: “È un ciarlatano: bla, bla”. Se fa l’omelia corta: “È un ignorante e non sa cosa dire”. Se durante la predica alza la voce: “è sempre arrabbiato e ce l’ha con tutti”. Se parla con tono normale: “Non si capisce niente”. Se predica tutti i giorni: “per carità…andiamo in un’altra chiesa”. Se ha una macchina: “È un scandalo, contro il vangelo”. Se non ha la macchina: “. È un arretrato spilorcio”. Se ha la bicicletta o va in palestra: “È un vanitoso e ci tiene al fisico”. Se visita i parrocchiani: “È sempre in giro a ficcare il naso”. Se sta in casa parrocchiale: “Non va mai a visitare i suoi parrocchiani”. Se parla di soldi e di offerte: “È avido di denaro”. Se non organizza pizzate, grigliate, castagnate etc: “La parrocchia è morta”. Se nelle confessioni trattiene i penitenti: “È interminabile”. Se nelle confessioni è veloce: “Non sa ascoltare”. Se comincia puntualmente la Messa: “Il suo orologio è sempre avanti”. Se comincia un po’ in ritardo: “Fa perdere tempo a un sacco di gente”. Se tiene la parrocchia pulita e adorna o la fa restaurare: “Spreca i nostri soldi”. Se non lo fa: “Lascia andare tutto alla malora”. Se parla a lungo con una donna: “ci deve essere sotto qualcosa”. Se parla a lungo con un uomo: “ohi, ohi… anche peggio”. Se non bacia e abbraccia sempre: “Ha seri problemi relazionali”. Se vuol bene alla gente: “È perché non la conosce...”. Se è giovane: “È un ragazzo, un pischello senza esperienza”. Se è vecchio: “ma quando se ne va in pensione?”. Se sbaglia e fa un errore: “Apriti cielo!” Se ha bisogno di misericordia e di perdono: “non merita il perdono” Se lo trasferiscono: “finalmente se ne va!”. Se non lo trasferiscono: “ma quand’è che ce lo tolgono?”. Se sta male: nessuno se ne accorge! Se va altrove, in missione o se muore: … la parrocchia sarà vacante. Ne manderanno senz’altro un altro: MIGLIORE di me!
donTOZ
Copyright © 2011 Parrocchia San Giuseppe Lavoratore - TharrosNet © 2011