Arcidiocesi di
Oristano
Mons. ANTONINO ZEDDA (don Toz)

Per comunicare con il parroco

Tel. 0783.212023 (solo al pomeriggio o sera)

Cel. 347.5412899 (sempre acceso)

sanjoseph@virgilio.it    (mail ufficiale della parrocchia)

toninozedda@virgilio.it  (mail personale)

Categoria: News
lunedì 1 gennaio 2018
1 GENNAIO 2018 - Solennità di Maria Santissima Madre di Dio
la Vergine ci indichi la Via per tutto il nuovo anno
themes/parrocchia.oristano.sangiuseppelavoratore/uploads/mkNews/attachments/1466_madre_di_dio.png
Il primo giorno del nuovo anno 2018 porta la nostra attenzione su una delle figure più importanti della vita di Gesù: la sua Mamma. In questa ricorrenza di "Maria Santissima Madre di Dio" ci aspetteremmo un brano che parli di Lei, che metta in luce tutta la sua bellezza e bontà, che ci permetta di cogliere tutta la delicatezza di un cuore che ha detto Sì a un progetto grandioso per tutta l'umanità... invece ritroviamo la descrizione dell'arrivo dei pastori, di ciò che raccontano di aver visto al loro rientro nelle loro case: e di Maria cosa troviamo? Un rigo semplice, ma che racchiude tantissimo di quel che è Lei: "Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore" . Trovo questo versetto di una tenerezza infinita. Possiamo ritrovare tutto quel che è una madre e tutto l'Amore che possiede questa mamma speciale. Maria ha appena dato alla luce Gesù in un luogo lontano dalla sua casa e dai suoi affetti, lontano dall'aiuto della sua di mamma! Un tempo si partoriva in casa e le donne più anziane (mamme, nonne, zie...) aiutavano chi era al suo primo parto. Invece Maria si ritrova sola in un luogo che non è il suo e dove non c'è un posto caldo che la accolga in un momento così delicato. Da subito ha dovuto farsi forza e contare solo sull'aiuto di Giuseppe, si è dovuta adattare a un letto di paglia e all'odore poco gradevole di una stalla e, nel trambusto di una nascita così diversa dalle altre, ha assistito alla visita di gente sconosciuta che li ha cercati proprio lì, in quel luogo così strano e nascosto. Quante cose ha custodito e meditato Maria nel suo cuore! Quante domande avrà fatto a Dio? Cosa avrà provato nel vedere tanta novità nella sua vita?! Quanta emozione avrà ricolmato il suo cuore!? Forse non riusciamo neppure a immaginare tutto questo. In questo inizio d’anno dedicato a Maria ringraziamo per la sua maternità, che ci ricorda la bellezza di tutte le mamme, della nostra mamma: vi auguro per il nuovo anno un cuore come quello di Maria come quello delle nostre mamme. BUON 2018
 
don TOZ
Copyright © 2011 Parrocchia San Giuseppe Lavoratore - TharrosNet © 2011