Arcidiocesi di
Oristano
Mons. ANTONINO ZEDDA (don Toz)

Per comunicare con il parroco

Telefono fisso: 0783/296719 

Cellulare: 3475412899 

sanjoseph@virgilio.it    (mail ufficiale della parrocchia)

toninozedda@virgilio.it  (mail personale)

Categoria: News
giovedì 22 febbraio 2018
IO SONO IL PANE VIVO DISCESO DAL CIELO
Sacro Tempo di Adorazione Eucaristica: primo giorno dalle 8 alle 22 (15 ore)
themes/parrocchia.oristano.sangiuseppelavoratore/uploads/mkNews/attachments/1477_40orew2.jpg
All’inizio della Quaresima giungono davvero provvidenziali le Quaranta Ore: un evento importantissimo nella vita della nostra comunità parrocchiale. Ci siamo perciò preparati con la Giornata Penitenziale che abbiamo celebrato mercoledì. Da oggi fino a sabato siamo chiamati a sostare con Gesù nel suo deserto eucaristico. Cercheremo di vivere esattamente 40 ore (in modo da essere fedeli al segno liturgico e biblico), oggi e domani il Santissimo Sacramento sarà esposto per 15 ore e sabato per 10. Un tempo eccezionale e prezioso di grazia e di amore.
 
Ecco come, in un dialogo possibile fra madre e figlia, mi piace spiegare cosa sono e quale importanza rivestono le 40 Ore anche per noi. B) Mamma, mamma cosa sono le 40 ore? M) Sono ore che si passano in compagnia di Gesù nell’ostia, nell’Eucaristia. B) Perché? M) Per dirgli quanto è importante per noi, quanto sia grande il nostro amore per Lui. B) Ma perché proprio 40 ore e non 30 o 50? M) Perché 40 sono le ore che Gesù ha passato nel sepolcro, 40 sono i giorni delle tentazioni, 40 gli anni dell’esodo e 40 i giorni del diluvio: è un numero simbolico che ci ricorda la presenza di Dio con noi. B) Ma dove si vanno a fare le 40 ore? M) Si va nella casa di Gesù, in Chiesa. Là lo trovi esposto nell’ostensorio (come un bellissimo sole) su di un trono in mezzo a fiori e ceri accesi. Sembra proprio un re! B) Ma scusa mamma, ma che le ha inventate le 40 ore? M) Vedi, le 40 ore sono nate tanti tanti anni fa, più o meno all’inizio del 1500 a Milano grazie ad alcuni sacerdoti che hanno pensato che questa adorazione continua fosse il modo migliore per chiedere aiuto a Gesù in momenti molto difficili che il paese doveva superare, come la guerra e la peste. La preghiera davanti al Santissimo Sacramento ha donato fiducia e speranza agli uomini di quel tempo, così pian piano le 40 ore sono state diffuse un po’ dappertutto in Italia, in Europa e nel mondo, soprattutto nel periodo quaresimale. Infatti la Quaresima è il periodo in cui cerchiamo in modo più sentito, di rivedere la nostra vita, di riconciliarci con Dio Padre e di camminare con i fratelli, perciò l’adorazione di Gesù nell’Eucaristia ci prepara a vivere meglio tutto questo. B) Ma come si fa a fare tutte le 40 ore? Io mi stanco! M) Carissima, tu non sei obbligata a fare tutte le 40 ore, ma ad approfittare di qualche ora, o solo anche di qualche momento, per ringraziare Gesù, per dirgli che gli vuoi bene e che lo vuoi seguire. Se così faranno un po’ tutti, Gesù non sarà mai solo e sarà contento tanto da elargire molte grazie, proprio come farebbe un re. Andiamo an che noi? B) Certo! Ho proprio tanta voglia di incontrarlo, di vederlo e di dirgli tante cose. Chissà se mi risponderà! M) Non avere paura, Gesù parla al tuo cuore, tu tienilo in ascolto e aspetta fiduciosa…
don Toz
Copyright © 2011 Parrocchia San Giuseppe Lavoratore - TharrosNet © 2011